Struttura e Organizzazione

  • Il Dipartimento
  • Organi del Dipartimento
  • Le Segreterie
  • Il Personale
  • Aree di ricerca del Dipartimento
  • Informazioni e recapiti
  • Modulistica

Didattica

  • Orario II semestre 2015/2016
  • Prenotazione esami
  • Guida dello studente a.a. 2015-2016
  • Calendario Accademico
  • Manifesti 2015-2016
  • Calendario esami di profitto I semestre
  • Commissioni di esami
  • Attività Fomativa a Scelta - Regolamento
  • Tirocini
  • Calendario Esami di Laurea
  • ERASMUS
  • Viaggi di studio ed escursioni
  • Post lauream
  • Dottorati di ricerca
  • Mappa aule e sale studio
  • Laboratori didattici
  • Sistema Assicurazione Qualita' – CdS
  • Prenotazione Aule
  • Pergamene di Laurea

Didattica anni precedenti

  • Manifesti anni precedenti
  • "Scienze e Tecnologie per la Conservazione delle Foreste e della Natura - sede Cittaducale (SFN/L-25) (ad esaurimento)"
  • Guide dello studente

Info studenti

  • Guida ai servizi di Ateneo
  • Informazioni varie

Orientamento

  • Orientamento
  • Prenota una visita didattica presso il DAFNE
  • I media "dicono di noi"
  • link Gruppo fb DAFNE
  • link orientamentodafne
  • Alumni

PRIN 2009: Relazione tra i meccanismi di acquisizione dello zolfo e del ferro in piante a Strategia I e Strategia II

Lo S riveste un ruolo essenziale nella crescita e nella regolazione dello sviluppo della pianta e la sua limitata disponibilità si riflette sui parametri quali-quantitativi del raccolto di piante come il colza, il frumento e l’orzo. Inoltre, abbiamo recentemente dimostrato che piante di mais e di orzo allevate in S carenza presentavano un contenuto di Fe minore rispetto alle piante controllo ed, inoltre, che la S carenza riduceva l’accumulo di Fe anche in piante di pomodoro.
L’orzo e il mais sono piante a Strategia II e rispondono alla carenza di Fe attraverso la secrezione di composti chelanti detti fitosiderofori (PS) e l’assorbimento dei complessi Fe-PS. Le piante a Strategia I, invece, sono in grado di mobilizzare gli ioni Fe3+ dalle particelle di suolo attraverso l’induzione dell’attività dell’H+ATPasi, con conseguente acidificazione della rizosfera, e dell’attività di una FeIII-chelato reduttasi, che ha come effetto una maggiore capacità di ridurre il FeIII a FeII. Inoltre, alcuni autori hanno evidenziato un aumento della sintesi di etilene a livello radicale indotto da Fe-carenza ed hanno quindi ipotizzato il coinvolgimento di questo ormone nel processo di regolazione delle risposte di queste piante alla Fe carenza.
I due meccanismi di risposta alla Fe carenza, la Strategia I e la Strategia II, pur essendo molto diversi tra loro, hanno alcuni elementi in comune, quali le vie biosintetiche dell’etilene e dei PS che presentano come precursore l’aminoacido metionina. La metionina è un composto particolarmente importante per la pianta in quanto è sia donatore di gruppi metilici che iniziatore della sintesi proteica ed è il precursore di composti quali la nicotianamina (NA), l’etilene, le poliammine e i fitosiderofori (PS). La NA è un elemento comune ad entrambe le strategie. Nelle piante a Strategia I, la NA funziona come chelante per il trasporto del Fe a livello simplastico e floematico mentre nelle piante a Strategia II la NA è anche il precursore dei PS. Appare quindi ragionevole supporre che la disponibilità di S nel suolo, e quindi lo stato nutrizionale della pianta, inducendo cambiamenti nei livelli di metionina possa influenzare la capacità di assorbire e accumulare Fe sia in piante a Strategia I che in quelle a Strategia II.

L’obiettivo di questo lavoro sarà quindi quello di studiare la relazione tra S e Fe ed, in particolare, di chiarire il ruolo dello S meccanismi fisiologici associati alla risposta alla Fe-carenza in piante a Strategia I e II.[pagina in costruzione]

Progetti di Ricerca: PRIN 2009: Relazione tra i meccanismi di acquisizione dello zolfo e del ferro in piante a Strategia I e Strategia II

News in evidenza

  • Radio 3 Scienza Il megaincendio di Fort McMurray
  • Sportello ISEE - Servizio gratuito
  • Miglioramento qualitativo e la valorizzazione commerciale dell'olio extravergine di oliva DOP della Provincia di Viterbo
  • Nel Dafne una ricerca di alto livello per la formazione del dottore agronomo e forestale di domani
  • Differimento termine conseguimento titolo per iscritti ai corsi di studio ante DM 509/99 - 29 febbraio 2016
  • Nuova pagina Facebook Dafne
  • Prof. Gianluca Piovesan -Longevità degli alberi - RAI Scuola Nautilus
  • ESAMI DI STATO 2016
  • Il ruolo dell'agronomo per migliorare qualità e sicurezza alimentare
  • Aperta la nuova sezione Alumni DAFNE dedicata ai Nostri Laureati.
  • Centro Universitario Sportivo Viterbo

Eventi

sba.jpg
adisu.jpg
Direttore:Prof. Nicola Lacetera-Sede:Via S.Camillo de Lellis snc 01100 Viterbo-tel.0761357581/554;fax 0761357558/434, PEC:dafne@pec.unitus.it